Telefono: +30 26650 93432 / Mobile: +30 697 494 2376

Paxos sono costituiti da isole e isolotti, con i principali quelli di Paxos e Antipaxos. Si trova al Mar Ionio, a sud di Corfù ( 7 miglia da Cavo Bianco ) e costituiscono una escursione molto interessante per il visitatore. Troverete spiaggie sabbiose con acqua turchesi, villaggi pittoreschi e interessanti formazioni geologiche come grotte ecc.

Città cosmopolita che emana un senso di nobilità, con le principali atrrazioni come la grande Piazza Spanada ( o Liston ), che è la piazza più grande dei Balcani, il vecchio e nuovo Fortezza, il City Hall ( Teatro San Giacomo ), il Mon Repos, il Kanoni, L’Acheilion ma anche il museo della Storia Bizantina. Tutta l’aria è caratterizzata da un forte elemento Veneziano, con infuenze inglesi e francesi.

La visita al fiume Acheronte, il punto di bellezze naturali, è necessario per ogni visitatore di Thesprotia. Attraversando la gola attraverso la rugiada offerta ghiacciata, l’acqua limpida del fiume, all’ombra dei platani, come le sorgenti del fiume o la “Scala di Tzavelena” un esperienza unica di contatto con la natura. La zona è molto interessante anche da parte storino mitologico ma offre attività come il rafting, kayak, equitazione ecc

Uno dei più pittoreschi e cosmopoliti in Grecia nord – occidentale, la bella Parga vi invita a incontrare la sua lunga storia, la sua variegata bellezza naturale e l’ospitalità dei suoi abitanti. L’isolotto di Panagia, le stradine acciottolate, «vicoli» tradizionali danno il proprio colore nel paesaggio idiliaco di Parga. E costruito alla periferia di un castello veneziano ed è chiaramente influezato dell’architettura di Ionio.

Situato nella regione di confine di Thesprotia, otto chilometri a nord – est dellà città di Filiates, vicino al confine greco – albanese, costruito ad un’altitudine di circa trecento metri sulle pendici occidentali del monte Farmakovouni.

Al bivio del’Acheron e il suo affluente Kokytos è fiorito nel 5o e 6o secolo A.C l’antica città Efira, che è stata conosciuta con la necromanzia di costruzione del 5° secolo B.C I visitatori accorsi da tutto il mondo conosciuto in questo oracolo unico, dove potevano rimanere dopo un processo di iniziazione comunicare con i morti. Oggi, i resti di camere distinte, corridoi, la camera sotteranea centrale, i vari vasi ecc